lunedì 5 giugno 2017

Sicilia 2017.








Il blu è più blu. Il verde è più verde - più vero. Tutto lo spettro dei colori è più forte, più intenso, più vivo. Riapro la casa di pietra che mi ha aspettato per cinque mesi, che sembra ieri. E riconosco l’odore dei suoi muri, che volevano me, noi, come proprietari - per imperscrutabili disegni o per puro caso, forse. Si risveglia, questa casa, e sembra parlarmi appena riapro la porta di ferro sormontata dall’antico stemma scolpito nell’arenaria. Risistemo i miei oggetti e i miei vestiti nei pochi mobili essenziali. Perché qui è l’essenziale che conta. Ci aspettavano, i nostri amici gatti. E ci hanno fatto un sacco di feste; non aspettavo altro che rivederli. La sera si riempie di silenzio, e la luce della Luna illumina la vallata. La terra è arida, quest’anno. Asciutta e piena di erba alta. A breve inizierò a falciare e l’agrumeto tornerà a splendere come gli anni scorsi.



Alternerò giornate di lavoro a giornate di pausa e distensione. Poi inizierò con l’orto – chè anzi è già tardi, e credo che l’anno prossimo verrò qui ancora prima, magari a metà maggio.
Domani comprerò del pane. Del pane di qui. Che se non l’hai provato, il pane di qui, non puoi dire di aver mai mangiato vero pane. Dico davvero. E’ uno dei principali motivi per cui amo la Sicilia. Mille cose amo, di essa - e mille ne detesto. E in mezzo a quest'eterno contrasto, per adesso:

ho trovato tutto a posto, e basta per farmi felice.

Pronto per Sicilia 2017.



 



7 commenti:

  1. La granita con la briosche!!! Vastasuuuuuu!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dallo scorso anno hanno introdotto anche la granita ai gelsi neri. Frutto delicato e meraviglioso, purificatore del sangue ( ottima cosa in tempi come questi...)

      Elimina
  2. In inverno l'agrumeto non abbisogna di cure?
    Io ho un solo limone, che non ha ancora fruttificato ... ma lo sto curando e viziando ...sperando sia un limone riconoscente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sola cura che riserviamo all'agrumeto è la concimazione azoto/potassio intorno a novembre. Per il resto, taglio di getti(crescite) verticali a giugno. Quest'ultimo è un lavoro che io detesto fare, a differenza di mia moglie. Questi alberi hanno un centinaio d'anni e gran capacità di sopportazione in termini di siccità/potature pesanti ecc. - spesso ci siamo resi conto che molti precetti riportati sui libri o riferiti da "esperti" non sono poi da considerare così vincolanti.

      Il limone ha più resistenza di quanto ci si potrebbe aspettare; mi piace perchè si mantiene sempre basso ed è facile da regolare. Al nord andrebbe eseguita pacciamatura intorno alla base, se cresce all'aperto - intendo dire per resistere al gelo invernale. Quest'anno i nostri si stanno riposando dopo l'iperproduzione del 2016.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ciao, grazie. Seguo sempre le tue pagine - ancora sei in Svezia ma a breve avverrà la migrazione... Un sincero augurio che tutto vada per il meglio, sei una persona vincente e lo meriti.

      Elimina