domenica 18 giugno 2017

Una giornata nella quiete e nella felicità.





Correnti di aria più fresca hanno allontanato il caldo torrido e opprimente. Si respira. 
Mezza proprietà falciata, l'orto sistemato, le arance irrigate, la legna a posto, le verdure in accrescimento, l'auto portata a fare manutenzione con tutta calma, le albicocche sulla tavola.
E lo stesso negozio di alimentari - sempre lo stesso - con quell'odore di salumi e formaggi misto a detersivo; quella miscela di odori che ricorda chissà perchè l'infanzia, in giro con mio nonno per una strada di Catania a fare la spesa.

E ci compro, in quel negozio, un pecorino da svenire. Che formaggi così sono dei capolavori, e chi storce il naso perchè "fa troppo odore" o è "troppo forte", scusate tanto, ma lo devo dire:
DELLA VITA NON HA PROPRIO CAPITO UN CAZZO.





L'ho capita, io la vita ? Ma ci mancherebbe, sono l'ultimo dei filosofi - lascio ques'ufficio ad altri.
Eppure, quando a fine pranzo affondo il cucchiaio in questi gelati artigianali alla nocciola, provando una sensazione sublime -

 - o quando più tardi sistemo una vecchia poltroncina semidistrutta dell'ikea al fresco sotto il pergolato, e leggo narrativa di viaggio, e bevo un tè con una fetta di limone dentro - uno dei miei limoni, e stacco gli occhi dalle pagine digitali verso la terra tutt'attorno rasata a tappeto -










Ebbene, dicevo - non voglio atteggiarmi a chi ha capito tutto della vita, di certo no. Ma una cosa, della mia vita, l'ho capita e la confermo: che non sono fatto per stare nella corsia veloce.
E me la godo, qui, con questo fresco - quest'aria profumata, immerso nel verde e nella lettura.
Consapevole che ne è valsa la pena.
Che tutto sommato, rifarei la stessa cosa.

Mentre la mia vita di una volta, nella corsia veloce, si allontana sempre più indietro - sorpassata da giornate come questa, che valgono per dieci.




4 commenti:

  1. Se non sei filosofo tu, nessuno lo è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sono un sostenitore accanito dell'edonismo. Il quale, perlomeno nel mondo occidentale, è - non a caso - la filosofia che funziona e che ha avuto più fortuna -

      Elimina
  2. Boh, di filosofia non ci ho mai capito niente nonostante l'abbia portata alla maturità come seconda materia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si parla di eutanasia -se è giusto oppure no continuare a soffrire di lunghe e penose malattie oppure "staccare la spina", e prendiamo una posizione ragionata in merito, stiamo già facendo filosofia.
      Questo tanto per fare un esempio minimo -

      Filosofia è l'uomo che osserva, e il pensiero che riflette, poi cammina, poi corre.
      Troppa filosofia fa male, infatti: arroventa la testa.

      I Greci antichi erano incredibili. Pensa che quella gente, al tempo dei calzari di cuoio e dei lumi a olio, aveva già concepito l'idea di "atomo": semplicemente pazzesco, e lo dico io che sono un (ex) chimico...

      Elimina